Albrecht Dürer e il Rinascimento tra Germania e Italia

Palazzo Reale, Milano

21 febbraio – 24 giugno 2018

A cura di Bernard Aikema

Pittura, disegno, grafica: l’apice del Rinascimento tedesco attraverso una magnifica e rappresentativa selezione di opere di Dürer e dei suoi contemporanei tedeschi e (nord)italiani, circa centotrenta capolavori dell’acmé del Rinascimento tedesco nel suo momento di massima apertura verso l’Europa, sia al Sud (soprattutto nell’Italia settentrionale) sia al Nord (nei Paesi Bassi): l’artista di Norimberga, dunque, ma anche l’affascinante quadro di rapporti artistici tra nord e sud Europa tra la fine del Quattro e l’inizio del Cinquecento, il dibattito religioso e spirituale come substrato culturale delle opere di Dürer, il suo rapporto con la committenza attraverso l’analisi della ritrattistica, dei soggetti mitologici, delle pale d’altare, la sua visione della natura e dell’arte tra Classicismo e Anticlassicismo, la sua figura di uomo e le sue ambizioni d’artista.

In un’unica sede espositiva, una rappresentativa e magnifica selezione di capolavori non solo di Dürer, che ha rivelato le qualità intrinseche delle sue opere nelle varie categorie da lui praticate – pittura, disegno, incisione –, ma anche di artisti tedeschi suoi contemporanei come Lucas Cranach, Albrecht Altdorfer, Hans Baldung da un lato, e dall’altro di grandi pittori, disegnatori e artisti grafici italiani della Val Padana fra Milano e Venezia, come Giorgione, Antonello da Messina, Giovanni Bellini, Andrea Mantegna, Leonardo da Vinci, Cima da Conegliano, Solario, Jacopo de’ Barbari, Bartolomeo Veneto, Lorenzo Lotto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.