Read More

Dal PNRR 155 MILIONI DI EURO PER LE IMPRESE CULTURALI E CREATIVE

All’interno del PNRR (M1C3 ), l’Ambito 3 “Industria Culturale e Creativa 4.0” prevede un investimento specifico per la Capacity building per gli operatori della cultura per gestire la transizione digitale e verde per un importo complessivo di 155 milioni di euro destinato a organismi profit e no profit. 

L’investimento prevede due linee d’azione:

1) Sostenere la ripresa delle attività culturali incoraggiando l’innovazione e l’uso della tecnologia digitale in tutta la catena del valore;
2) Favorire l’approccio verde in tutta la filiera culturale e creativa

Le linee d’azione si sviluppano in quattro interventi

A1. Migliorare l’ecosistema incoraggiando la cooperazione tra operatori e organizzazioni culturali – 10 mln / 40 azioni;

A2. Sostenere la produzione attraverso l’innovazione digitale con contributi finanziari – 115 mln / 1.470 beneficiari;

B1. Riduzione impatto ecologico di eventi – 10 mln / 40 azioni;

B2. Promuovere innovazione e progettazione ecocompatibile – 20 mln / 260 beneficiari.

Destinatari dell’investimento sono i settori culturali e creativi, ovvero tutti i settori le cui attività si basano su valori culturali ed espressioni artistiche e altre espressioni creative individuali o collettive, siano esse orientate al mercato o non orientate al mercato. L’erogazione dei fondi avverrà tramite bandi pubblici, con largo anticipo rispetto alla milestone prevista per dicembre 2023. Per la definizione dei bandi, il MiC ha programmato un ciclo di incontri con gli stakeholder del settore culturale e creativo.

PNRR Capacity building – M1C3 3.3. – Cartella stampa 06.05.2022

Webinar Confindustria “Finanziamenti per il settore cultura e audiovisivo: il programma Europa Creativa” 16 luglio 2021

Si è svolto oggi il webinar Confindustria dedicato ad  Europa Creativa 2021-2027.

Sono intervenuti Walter Zampieri (Commissione europea, Strand Cultura) e Giuseppe Massaro (Desk italiano di Europa Creativa MEDIA) che hanno evidenziato quanto forte sia l’attenzione e l’investimento dell’UE sul comparto culturale e creativo, anche come veicolo per rafforzare i valori cardine della pacifica convivenza europea: democrazia, inclusione, parità di genere, sostenibilità ambientale.

L’impegno dell’UE per la cultura trova conferma anche nell’aumento del budget complessivo di Europa Creativa che, nel nuovo ciclo, può contare su 2.2 miliardi di euro, un aumento dell’80% rispetto al periodo precedente.

Le opportunità per le imprese, sia nell’ambito del sottoprogramma Cultura che Media, sono vastissime e, nella nuova programmazione, vengono ulteriormente sostenute da alcune novità, come l’incremento delle quote di cofinanziamento e di prefinanziamento e l’introduzione dei progetti di media scale.

L’Italia è lo Stato membro con il più alto livello di partecipazione ai bandi di Europa Creativa ed è qualificato come Paese ad alta concentrazione produttiva.

L’informazione e la conoscenza di queste opportunità di finanziamento sono il primo passo per costruire, rafforzare e migliorare la partecipazione delle imprese in questa competizione di altissimo profilo.

Per maggiori informazioni clicca qui